Flowing to web site: please wait and take a full breath

Per la buona navigazione e usabilità questo sito crea dei cookies, navigandolo accetti questa condizione

Natana significa "Danza" in sanscrito. Natana Yoga è il ramo di Anukalana che integra la danza con la pratica dello Yoga.

Grazie a questa integrazione la pratica dello Yopga diviene "danzata": Asana e Vinyasa diventano un susseguirsi di movimenti armoniosi ed estremamente gradevoli da praticare. "Danzare l'Asana" significa raggiungere la posizione con movimenti che hanno una valenza espressiva oltre che funzionale all'apertura e all'allungamento.

Lo Yoga e la danza sono sempre stati legati nell'antica cultura dell'India e queste discipline possono integrarsi per permettere al praticante di usare l'espressione corporea al fine di raggiungere stati mentali adatti alla Meditazione. In antichità la danza tradizionale indiana (Bharata Natyam) era usata come arte divinatoria durante le cerimonie e i rituali nei templi dedicati a varie divinità.

natana yoga

Durante la danza tradizionale vengono eseguiti numerosi mudra, ovvero gesti carichi di significato e capaci di invitare particolari atteggiamenti o stati mentali. Assumere una posizione corporea è a sua volta un gesto che attraverso al forma può influenzare notevolmente lo stato mentale e vitale del praticante.

Per questo Danzare lo Yoga è una pratica che può portare, se fatta nel modo opportuno, grandi benefici insieme all'immenso piacere di muoversi ed esprimersi.

Kaulika significa ancestrale, atavico. Questo è il ramo di Anukalana che si avvale di tecniche e pratiche molto antiche.

Grazie alla ricerca svolta nel campo antropologico e scientifico, abbiamo integrato nei percorsi di crescita personale di Anukalana pratiche le cui origini sono radicate in culti molto antichi o addirittura nei livelli più profondi della nostra mente.

Dalle tecniche sciamaniche ai movimenti istintivi ispirati al mondo animale, la pratica dello Yoga Atavico ti porta a riscoprire parti di te dimenticate a causa del modo di vivere moderno basato sulla tecnologia e sempre più lontano dal contatto con le forze della natura.

yoga atavico

Lo Yoga Atavico è forse la parte più affascinante di un lavoro di integrazione che non finisce mai: questo ramo di Anukalana è soprattutto la base su cui si sviluppano i ritiri durante i quali usiamo lo Yoga per esplorare le profondità della mente sia sul piano psicologico che su quello spirituale.

La ricerca della visione, il confronto con la paura, il contatto con l'istinto, l'esplorazione dei poteri personali, sono solo alcuni dei temi che conducono i partecipanti alla scoperta di se in un modo avventuroso, divertente e affascinante.

Yaudha in sanscrito significa "Guerriero". Lo Yaudha Yoga è quindi un ramo di Anukalana che integra lo Yoga con le arti marziali, con la crescita personale e con il gioco.

Lo Scopo di questa disciplina è quello di offrire strumenti per il superamento delle paure e la gestione della rabbia attraverso una pratica sana e divertente che favorisce la socializzazione, lo sviluppo dell'assertività e la crescita interiore.

yaudha yoga sword

Praticando le posizioni yoga legate al simbolismo del guerriero con una spada o con un bastone si ottengono molti vantaggi e benefici:

  • yoga okla mente diventa più concentrata e si sviluppa forza interiore

  • yoga okl'animo guerriero che è dentro ogniuno di noi si attiva e l'autostima si risveglia

  • yoga okgli allineamenti posturali sono facilitati nella pratica

  • yoga oksi sviluppano agilità e destrezza

Lo Yaudha Yoga comprende una serie di allenamenti e giochi finalizzati all'esperienza del combattimento per facilitare la presa di consapevolezza della propria forza interiore e imparare a canalizzarla in modo sano.

Cikitsa significa "Cura, Trattameto Medico".  Questo è il ramo di Anukalana in cui la pratica dello Yoga diviene una vera e propria via verso l'autoguarigione. 

Partendo dal fatto che il nostro corpo ha il potere di ritrovare costantemente nuovi equilibri attraverso il processo chiamato omeostasi, lo Yoga può favorire i processi di autoguarigione ridando energia agli organi e ai sistemi. In particolare rinforzando il sistema immunitario e regolando quello endocrino. 

Ma prima di tutto, e in modo molto rapido, lo Yoga può stimolare le funzioni degli organi emuntori, ovvero quelli che si occupano di eliminare le sostanze di scarto e le tossine (ama) dall'organismo. Grazie alla pratica quindi possiamo attivare la "Vis Medicatrix Naturae" ovvero la forza di autoguraigione dell'organismo.

yoga cikitsa

Il lavoro di ricerca svolto nell'ambito di Anukalana ci ha permesso di integrare alcune tecniche che permettono di velocizzare questi processi. Manovre corporee, tecniche di automassaggio, di respirazione e soprattutto un efficace lavoro sul sistema energetico ispirato alle tecniche taoiste.

Anukalana significa Integrazione. Questo è lo Yoga Integrale ed Integrato.

L'approccio Anukalana è un modo di praticare lo Yoga completo e integrale che si avvale anche dell'integrazione di tecniche e principi ispirati ad altre discipline che ne condividono scopi e valori.

Praticare Anukalana significa approcciarsi agli asana, al pranayama e alla meditazione in un modo completo e tradizionale ma con l'aiuto di elementi che rendono più naturale muoversi, aprirsi, respirare ed entrare in meditazione

In realtà Anukalana è nato proprio dalla ricerca del modo in cui è più naturale per noi umani di questa epoca fare Yoga. In antichità lo Yoga era sicuramente più morbido e fluido di come molte scuole lo hanno proposto oggi.

anukalana yoga approach

Tutti gli 8 anga dello Yoga e le pratiche che ne fanno parte sono affrontati nell'approccio di Anukalana per offrire un'esperienza completa e profondamente trasformativa.

Senza tralasciare niente Anukalana ti porta a praticare in modo sicuro, dolce e dinamico allo stesso tempo e completo. La pratica degli asana dei bandha, dei mudra e del pranayama costituisce il lavoro sul piano fisico mentre i kriya interni e la pratica della meditazione si svolgono secondo il processo tradizionale del samayama (dharana, dhyana, samadhi) che seguono la ritrazione verso la dimensione interiore (pratiyahara).

 

Kalayana in sanscrito significa "Acrobata" ed è il ramo di Anukalana in cui si sviluppa un modo acrobatico di fare lo Yoga

L'AcroYoga, disciplina sviluppatasi grazie a diversi pionieri che a partire dagli anni '50 hanno iniziato ad esplorare la possibilità di integrare nello Yoga elementi provenienti dalle arti circensi, è arrivato in Italia grazie a Jacopo Ceccarelli che lo ha imparato in America da Jenny Sauer Klein e Jason Nemer.

Focalizzando l'attenzione sugli aspetti più yogici di questa integrazione, abbiamo sviluppato un modo di fare AcroYoga che integra i principi fondamentali di Anukalana. Da questo è nato il metodo AcroYoga Anukalana Inspired.

Kalayana Yoga AcroYoga

Le posizioni e le sequenze di AcroYoga divengono così fluide e leggere da praticare, la tecnica prevale sull'uso della forza e il focus rimane la ricerca di un'esperienza interiore profonda senza farsi troppo prendere dalla ricerca della performance artistica.

find out more yoga

Google